10 domande da farsi prima di scattare una fotografia

0 Flares 0 Flares ×

Cosa ci succede quando impugniamo la macchina fotografica per scattare? Spesso abbiamo poco tempo per pensare, ci sembra più importante voler catturare un determinato momento e passare subito oltre. Eppure, ci sono almeno 10 semplici domande che dovremmo imparare a porci prima di scattare una fotografia, piccoli accorgimenti che possono portare il nostro modo di scattare fotografie ad un livello successivo.

Ecco quindi le 10 domande che secondo la Digital Photography School dovremmo imparare a porci quando con inquadriamo e decidiamo di scattare una foto:

1) Che storia stai raccontando?

È una domanda che sembra forse scontata, eppure è fondamentale perché  che ci aiuterà a prendere decisioni in merito alla composizione, al tipo di esposizione che useremo ecc.

Sostanzialmente, quello che dovremmo chiederci è: “cosa sto scattando? Qual è il senso che sto cercando di cogliere? Possiamo voler immortalare un momento particolare, oppure provare a coglierne l’emozione. Oppure ancora, potrebbe essere una foto che vorremmo regalare a qualcuno, o una foto parte di una serie, di progetto fotografico che abbiamo in mente.

Quando scattiamo una foto, dobbiamo sempre tener conto della capacità delle immagini di portare significato, di raccontare e generare emozioni a chi la guarderà.

2) Qual è il punto focale di questo scatto?

Dove sarà guidato lo sguardo di chi osserverà questa foto? Una volta identificato il punto focale, ovvero il punto che deve generare l’attenzione di chi guarda, allora possiamo iniziare a pensare a dove posizionarlo all’interno dell’inquadratura (considerando ad esempio la regola dei terzi) e della composizione.

3) Ci sono altri punti focali in competizione?

Una volta individuato il nostro punto focale principale, dobbiamo fare attenzione agli altri eventuali punti focali presenti nell’inquadratura e domandarci se possono aggiungere qualcosa al nostro scatto, o se sono di troppo.

I punti focali secondari possono aggiungere profondità ai nostri scatti, ma talvolta possono risultare come elementi di disturbo. In questo caso, possiamo valutare se è il caso di spostarci oppure modificare la lunghezza focale o la profondità di campo per sistemarli (o eventualmente rimuoverli) all’interno dell’inquadratura.

4) Occhio allo sfondo

Tutto ciò che è nello sfondo può rappresentare una vera e propria fonte di distrazione per chi guarda la nostra fotografia. È bene quindi tenere a mente l’importanza di questo elemento e fare attenzione a cosa c’è dietro il nostro soggetto, per renderci conto di cos’altro sarà incluso nella foto.

Infine, facendo anche attenzione a tutto ciò che è sul piano del nostro soggetto, dobbiamo soltanto decidere come posizionare lo sfondo all’interno della foto, ad esempio se dovrà essere messo a fuoco o se preferiamo che sia sfocato.

5) Sono abbastanza vicino al soggetto?

Capita a volte di ritrarre soggetti che risultano eccessivamente piccoli all’interno della fotografia. A meno che non si tratti di una scelta stilistica volontaria, consideriamo che quando il soggetto riempie l’inquadratura, la nostra fotografia risulta più dinamica e rende visibili dettagli particolari del soggetto inquadrato.

Per ottenere questo effetto possiamo avvicinarci o far avvicinare il soggetto, oppure potremmo decidere di giocare con la lunghezza focale per ottenere l’effetto “ravvicinato”.

6) Qual è la fonte principale di luce?

Dobbiamo sempre tenere in considerazione il modo in cui risulta illuminato il soggetto che stiamo scattando. Senza luce perdiamo dettagli e (se scattiamo in automatico) la macchina fotografica tenderà a compensare aumentando gli ISO o il tempo di esposizione, con la possibilità che le nostre foto vengano sfocate o piene di rumore.

Dunque, dobbiamo domandarci qual è la fonte di luce principale, da dove viene, se è sufficiente o se avremo bisogno dell’ausilio di luci artificiali (come ad esempio un flash), o ancora se avremo bisogno di un treppiedi per concederci esposizioni più lunghe.

7) L’inquadratura è dritta?

È importante fare attenzione a mantenere dritta l’inquadratura. È vero che possiamo sempre correggerla in fase di post produzione, ma il rischio è quello di sacrificare l’inquadratura originale. Per questo, quando scattiamo impariamo a fare attenzione a orizzonti, palazzi o soggetti inclinati e cerchiamo (fin dove possibile) di evitarli.

8) Un’altra prospettiva cambierebbe il soggetto?

Prendi 10 persone con una macchina fotografica, mettile tutte davanti allo stesso soggetto e otterrai una serie di foto perlopiù tutte dalla stessa angolazione.

Vogliamo scattare foto che risaltino? Impariamo ad esercitarci nel trovare punti di vista alternativi rispetto agli “standard”, avvicinandoci, allontanandoci o girando intorno al soggetto per trovare angolazioni differenti.

9) E se provassi a cambiare impugnatura?

Molti di noi tendono ad impugnare la fotocamera sempre nella stessa maniera (in orizzontale/landscape o in verticale/portrait). È perfettamente normale avere un’impugnatura “preferita” ma è anche importante ricordare che cambiare formato può modificare radicalmente l’impatto generato da una foto.

10) Dove sarà guidato l’occhio?

Quest’ultimo aspetto è legato al punto focale, ma è importante tenere a mente che guardando una fotografia, l’occhio di chi osserva non rimane immobile. Naturalmente siamo portati a seguire le linee, le forme ed i colori; per questo considerare tali elementi può essere una fonte di miglioramento per i nostri scatti.

Sì, ma quando scatto?

Certamente, quando scattiamo non abbiamo il tempo o la concentrazione per ripassare a mente tutte queste domande. Quello che possiamo fare, la prossima volta che scatteremo, è provare a rispondere intanto ad almeno una di queste domande. Pian piano, spiega il fondatore della Digital Photography School, Darren Rowse, diventerà un processo automatico e nelle nostre foto inizieremo naturalmente a considerare tutti questi elementi aumentando il livello dei nostri scatti.

Personalmente trovo molto difficile riuscire a pensare a tutte queste cose mentre ho l’occhio puntato sul mirino e il dito pronto a scattare, eppure credo che rallentare un momento sia l’occasione giusta per imparare a fare meglio. Tu pensi a tutte queste cose quando scatti?

Federica

Federica

Appassionata di fotografia, blogger professionista.
Content Marketing specialist - www.federicaagostini.com
Federica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *